Italiano |
English |
Deutsch |
Français |
Pусский |
Untitled 1
Nuova pagina 1
Nuova pagina 1

Novità dal mondo del wellness ed eventi da non perdere: entra nell’area News >>

Alimenti di bellezza: Ricette per il palato e per la cura del corpo a base dei nostri preziosi ingredienti di stagione >>

natale

Programma Natale
e Capodanno

dal 21 dicembre 2014
al 6 gennaio 2015 >>

Nuova pagina 1
Piantina Interattiva: 3.000 mq per Thermae & SPA >>

Fotogallery:  >>

Video: alla scoperta dell' Hotel Savoia >>

Home

Hotel

Thermae

SPA

Fotogallery

Dintorni

Meeting

Prezzi

Pacchetti

Offerte speciali

SPA Day

Dove siamo

Newsletter

 
Hotel
Riabilitazione

L’Hotel Savoia Thermæ & Spa dedica ampio spazio alle Terapie Riabilitative.
Tutto il personale esegue le terapie con la coscienza di chi desidera apportare migliore qualità alla vita dei nostri Clienti.
 
Di seguito alcune semplici informazioni sui trattamenti che potrete trovare nel nostro Centro Termale.
 
FISIOTERAPIA – KINESITERAPIA
Il trattamento fisioterapico è indicato per la riabilitazione ed il recupero degli esiti disabilitanti di numerose patologie. Ideale complemento alla cura termale classica viene consigliato a coloro che hanno subito degli interventi o in seguito a fratture, in modo tale da ripristinare l’uso delle articolazioni, per rafforzare la muscolatura, per riabilitare le strutture tendinee, legamentose, muscolari ed articolari aumentandone il tono. Per ottenere il massimo recupero dell’autonomia del cliente e la maggiore adesione al programma riabilitativo, è di fondamentale importanza il rapporto Ospite-fisioterapista. I “terapisti della riabilitazione” sono i “compagni di viaggio” dei nostri Ospiti: seguono il cammino riabilitativo valorizzando al massimo ogni residua capacità della persona per portarla al massimo di funzionalità ed abilità. Utilizziamo le principali e manuali tecniche fisioterapiche e di rieducazione funzionale, nonché le metodiche massoterapiche appartenenti al bagaglio terapeutico della Medicina riabilitativa.
 
IDROKINESITERAPIA
L’ idrokinesiterapia è la disciplina medica che si propone di curare i disturbi del movimento attraverso l’acqua. La piscina termale dove vengono effettuate le terapie riabilitative consente il movimento terapeutico in acqua in modo confortevole e sicuro senza che sia necessario saper nuotare. Gli effetti della terapia in ambiente termale riuniscono quelli relativi all’azione dell’acqua con quelli dell’esercizio fisico. Le proprietà fisiche e chimiche dell'acqua termale sono ormai state riconosciute da lungo tempo come coadiuvanti e terapeutiche, nel trattamento di disturbi osteoarticolari (mal di schiena – artrosi – osteoporosi), neuromotori (paresi, malattie demielinizzanti, morbo di Parkinson), circolatori (insufficienze venose degli arti inferiori), ortopedici (post trauma e post intervento chirurgico ortopedico), nei postumi di intervento chirurgico alla mammella. Il movimento in acqua è inoltre indicato per il mantenimento della buona forma fisica e come prevenzione ai danni da sedentarietà ed invecchiamento. La temperatura di 34°-36°C dell’acqua svolge un ruolo positivo su tutto il corpo umano a livello dei muscoli, delle articolazioni e del sistema nervoso. Sfruttando il principio del galleggiamento si evita di sovraccaricare le articolazioni, si rilassa tutto l’apparato muscolo-legamentoso, si favorisce un più rapido recupero della forza e della funzionalità dei muscoli e ci si muove più agevolmente anche in condizioni di sovrappeso. Inoltre la resistenza passiva al movimento opposta dall’acqua genera un benefico massaggio al corpo immerso, offrendo sollievo dal dolore e dallo spasmo muscolare. L’energia dell’acqua attraverso la spinta idrostatica permette la possibilità di caricare precocemente e progressivamente sugli arti inferiori nelle patologie ortopediche favorendo anche la funzionalità di vene ed arterie. Sul piano psicologico: la discesa in piscina è un momento fondamentale di verifica delle proprie possibilità. Il movimento in acqua contribuisce a creare un rapporto positivo con la realtà circostante a stimolare ulteriormente i propositi di miglioramento e favorisce il raggiungimento della maggiore autonomia possibile e la ricerca di una buona qualità di vita.
 
S.O.S. MAL DI SCHIENA
Colpisce quasi la metà della popolazione occidentale in età compresa tra i 25 e i 50 anni, al punto da rappresentare non solo un problema sanitario, bensì anche sociale ed economico.
Cerchiamo di capire insieme perché ne soffriamo e soprattutto come fare a risolverlo senza incorrere nell’uso e abuso di farmaci.
Il dolore alla schiena è nella maggior parte dei casi localizzato e si manifesta più frequentemente nella zona del collo e delle spalle (cervicalgia), o nella zona inferiore della colonna vertebrale, ovvero quella dorso-lombare e lombare (dorso-lombalgia e lombalgia).
Mentre la cervicalgia viene normalmente avvertita da chi ne soffre come un senso di tensione al collo e alle spalle, il dolore prodotto dalla lombalgia è percepito non solo nel tratto lombare della colonna, bensì irradiato a dorso, glutei o arti inferiori. In base all’intensità del dolore percepito, sono direttamente proporzionali le reazioni di chi ne soffre. Nei dolori acuti, ad esempio, si tende a limitare i movimenti per evitare ulteriori spiacevoli sensazioni; nelle situazioni di dolore “sordo”, ovvero meno violento ma continuo, il soggetto tende ad irrigidirsi o compensare con altrettante posture errate che, a lungo andare, provocano nuovi dolori.
Il dolore rappresenta solo un sintomo di una condizione patologica che può interessare strutture differenti. È essenziale quindi agire in prevenzione. La prevenzione generica trova la sua massima realizzazione con l’attività fisica e l’esercizio mirato; la prevenzione specifica, invece, si mette in atto nella quotidianità, prestando attenzione alla postura e alle abituali errate posizioni al fine di correggerle, nonché evitando quei movimenti che creano sollecitazioni pericolose per i dischi, i legamenti ed i muscoli.
Il moderno orientamento per la cura del mal di schiena risalta dunque l’efficacia del movimento e prende le distanze dalla precedente prassi del riposo forzato a letto, che il medico spesso consigliava per diminuire la sensazione di dolore, ma che finiva per cronicizzare la sintomatologia e, elemento da non trascurare, contribuiva all’instaurarsi di uno stato depressivo.
 
LA FANGOTERAPIA PER CURARE IL MAL DI SCHIENA
L'artrosi a livello lombare è sicuramente molto diffusa nella popolazione ed è una delle cause di "mal di schiena" più comuni. Soprattutto con l'avanzare dell'età questi fenomeni diventano più evidenti a carico di un settore corporeo che subisce un carico costante durante tutto l'arco della giornata, per tutta la vita, con la forza di gravità che continuamente attira verso il basso. Le azioni del fango maturo DOC possono essere riassunte essenzialmente:
• azione del calore direttamente sulla parte: il calore produce una vasodilatazione reattiva ed aumenta l'attività delle reazioni biologiche
• azione dei minerali contenuti nell'acqua termale
• azione delle sostanze prodotte da microalghe: queste insieme con altri microorganismi, sono sostanze che agiscono inducendo diverse reazioni da parte del nostro corpo, reazioni che si possono riassumere nella stimolazione delle capacità autoriparantesi dell'organismo.
L’acqua termale è un valido alleato nel programma di esercizi contro il mal di schiena. Le sequenze di movimenti in acqua, infatti, consentono alcune azioni specifiche come la risoluzione di eventuali algie (dolori) che limitano la funzionalità delle relative aree interessate, la riduzione del carico agente sulla colonna, lo “spiazzamento” degli schemi motori, cioè degli schemi prefissati di movimento, permettendo una loro rielaborazione in senso migliorativo, aumentando la percezione del proprio corpo e della funzionalità dei muscoli.
In una seconda fase, sempre seguiti da un fisioterapista, gli esercizi mirati vanno eseguiti “a secco” (fuori dall’acqua), al fine di sensibilizzare e potenziare la muscolatura interessata, tarandola sulle condizioni di normale gravità e sul carico agente sulla colonna vertebrale.

 
 
 
Scrivici
Ricevi la Newsletter
 


Hotel Savoia Thermæ & Spa
Via Pietro D'Abano, 53 ● 35031 Abano Terme (PD) Italia 
Tel. +39 049 823.11.11 ● Fax +39 049 66.77.77 E-mail: savoia@savoiaterme.it Skype address: savoiaterme

Copyright © 2009-2013 Inartis S.r.l.


Privacy policy - Condizioni di utilizzo - Dati aziendali